Standort in Deutschland, wo man günstige und qualitativ hochwertige Kamagra Ohne Rezept Lieferung in jedem Teil der Welt zu kaufen.

Kaufen priligy im Online-Shop. Wirkung ist gut, kommt sehr schnell, innerhalb von 5-7 Minuten. viagra was nur nicht versucht, verbrachte eine Menge Geld und Nerven, und geholfen hat mir nur dieses Tool.

Analisipapagni.it

ame flash
IpertensIone arterIosa secondarIa:
Vincenzo Toscano
test dI screenIng
IntrodUZIone
L’ipertensione arteriosa rappresenta il principale fattore di rischio per patologie cardiovascolari
che, attualmente, sono la più frequente causa di morte nei paesi occidentali. Per ridurre
la morbilità e la mortalità legate all’ipertensione è fondamentale un adeguato trattamento,
che non può prescindere da un preciso inquadramento diagnostico.
Nella maggior parte dei casi l’ipertensione è “essenziale”, ossia non vi è una causa
identificabile, ma nel 15% dei casi circa è possibile riconoscere una causa ben precisa.
L’ipertensione secondaria si associa, a parità di sesso ed età, ad una morbilità e
mortalità cardiovascolare superiore a quella dei pazienti con ipertensione essenziale,
ma, se adeguatamente diagnosticata, è potenzialmente guaribile o trattabile con farmaci
mirati. La risposta al trattamento specifico (risoluzione o miglioramento dell’ipertensione)
dipende dalla presenza o meno di familiarità per ipertensione, dal grado e soprattutto
dalla durata dell’ipertensione. Solo la diagnosi ed il trattamento precoce possono
prevenire/ridurre i danni cardiovascolari e migliorare la prognosi di questi pazienti.
Le forme di ipertensione secondaria sono attualmente in costante aumento, grazie
a una maggior comprensione dei meccanismi eziopatogenetici dell’ipertensione ed
alla maggior diffusione dei test di screening per la diagnosi. Naturalmente non
è praticabile uno screening sistematico dell’ipertensione secondaria in tutti gli
ipertesi, ma è necessario, in base al grado di sospetto clinico, richiedere i test più
opportuni, con il miglior rapporto costo/beneficio.
Le principali forme di ipertensione secondaria sono quelle a genesi renale ed endocrina, oltre alle forme causate da sostanze esogene (Tabella 1).
tabella 1. principali cause di ipertensione secondaria
da sostanze esogene
Farmaci: contraccettivi orali, sterodi, FANS, cocaina, anfetamine, inbitori-MAO,ergotamina, eritropoietina, ciclosporina.
Prodotti d’erboristeria contenenti liquirizia, sodio, estratti surrenalici, efedra,ma huang, saw palmeto,.
Nefro-vascolare: ateromasica o da displasia fibromuscolareNefro-parenchimale:glomerulonefrite, malattia policistica, collagenopatia, idronefrosi, nefropatia diabetica endocrina
Ipo-ipertiroidismoIperparatiroidismoAcromegaliaPatologie surrenaliche: iperaldosteronismo, ipercortisolismo, feocromocitoma, iperplasia surrenalica congenita altre cause
Sindrome delle apnee notturne (OSAS), coartazione dell’aorta, ipertensione neurogena, eclampsia, policitemia,… Anna Pia - SCDU Medicina Interna I - AOU San Luigi Gonzaga - Orbassano (Torino)
Andrea Guarnieri - S.C. di Nefrologia ASO S.Croce e Carle - Cuneo
ame flash
Secondo le indicazioni delle Linee Guida ESH/ESC (1), per un corretto inquadramento diagnostico/terapeutico del paziente iperteso sono necessari:1) Anamnesi ed esame obiettivo;2) Esami ematochimici e strumentali di primo livello (glicemia, colesterolo totale, HDL, LDL, trigliceridi, potassiemia, uricemia, creatinina + clearance calcolata, emoglobina ed ematocrito, esame urine comprensivo di microalbuminuria, ECG) (1); 3) Stratificazione del rischio cardiovascolare (1);4) Esami di screening per ricercare una causa secondaria da valutare sulla base Si deve sospettare una causa secondaria dell’ipertensione in caso di:• ipertensione severa o refrattaria (PA > 140/90 mmHg con 3 farmaci a dose piena, • improvviso incremento della pressione in un paziente iperteso precedentemente • comparsa in età pediatrica o prima dei 30 anni, specie in pazienti non obesi e senza familiarità per ipertensione (2).
La tabella 2 riporta le caratteristiche cliniche delle diverse cause di ipertensione secondaria.
tabella 2. caratteristiche cliniche delle diverse cause di ipertensione secondaria
patoLogIa
caratterIstIcHe cLInIcHe sUggestIVe
patologia
Rapido incremento della creatininemia dopo somministrazione di ACE-inibitori o sartani.
nefrovascolare
Ipertensione moderata – severa in paziente con aterosclerosi diffusa o ipoplasia renale unilaterale.
Episodi ricorrenti di edema polmonare acuto.
Malattia renale
Aumento della creatininemia, riduzione della clearance.
primitiva
Anomalie all’esame urine (proteinuria/ematuria).
contraccettivi orali
Rialzo pressorio temporalmente correlato all’uso.
coartazione
Ipertensione agli arti superiori con riduzione del polso femorale; pressione ridotta o non dell’aorta
Principalmente uomini obesi con russamento, apnee notturne e sonnolenza diurna.
Iperaldosteronismo
Ipopotassiemia con potassiuria aumentata (ma oltre la metà dei pazienti sono primitivo
normokaliemici).
PRA soppressa, aldosterone > 15 ng/dL;ARR > 40.
sindrome di cushing
Facies cushingoide, obesità centrale, miopatia prossimale ed ecchimosi.
Feocromocitoma
Ipertensione parossistica (ma nel 60% dei casi è stabile).
Triade sintomatologica composta da: cefalea, cardiopalmo, sudorazione.
Ipotiroidismo
Sintomi di ipotiroidismo. TSH elevato.
Ipertiroidismo
Sintomi di ipertiroidismo. TSH soppresso.
Iperparatiroidismo
Ipercalcemia. Calcolosi renale ed osteoporosi.
primitivo
ame flash
IpertensIone reno-VascoLare
L’ipertensione reno-vascolare è un’importante causa correggibile di ipertensione
arteriosa. La sua incidenza varia da valori inferiori all’1% in presenza di ipertensione
lieve – moderata sino al 10 – 20% nel caso di incrementi acuti e severi dei valori
pressori (1).
La stenosi dell’arteria renale può essere ateromasica o dipendere da una displasia
fibromuscolare, (quest’ultima con un’incidenza molto minore).
Il sospetto clinico di ipertensione renovascolare aumenta significativamente in
presenza di alcuni segni e/o sintomi (2):
• Comparsa di ipertensione prima dei 30 anni, particolarmente in assenza di
fattori di rischio (ad esempio obesità) e di un’anamnesi familiare positiva.
• Ipertensione almeno in stadio II ( PA > 160 – 100 mmHg) insorta dopo i 55 • Ipertensione refrattaria, definibile come controllata inadeguatamente con tre farmaci a dose piena (incluso un diuretico).
• Improvviso incremento dei valori pressori in paziente iperteso precedentemente • Ipertensione maligna.
• Incremento dei valori di creatininemia dopo la somministrazione di ACE-I o • Ipertensione in presenza di asimmetria renale (differenza del diametro longitudinale • Ipertensione in pazienti con malattia aterosclerotica diffusa.
• Episodi ricorrenti di edema polmonare.
Una stenosi dell’arteria renale può comunque non determinare ipertensione, risulta pertanto di particolare rilevanza clinica evidenziare le lesioni realmente responsabili della sintomatologia la cui correzione potrebbe portare ad un miglioramento del quadro clinico.
Diagnosi. Il gold standard è l’arteriografia renale la cui invasività non ne consente l’uso come test di screening. Altri esami sono entrati nella pratica clinica.
ecodoppler: sensibilità 85%, specificità 92%.
Vantaggi: informazioni sia anatomiche sia funzionali. Valutazione dello stato della
microcircolazione. Innocuo, non necessita della somministrazione di m.d.c.
Svantaggi: Richiede un tempo lungo (sino a 1 ora per esame). Operatore dipendente.
angio rM
Vantaggi: Alta sensibilità e specificità (sino al 100% e 98% rispettivamente in
alcune serie). Possibilità di valutare il volume renale ed il flusso emetico renale
come valore predittivo di risposta al trattamento (dati ancora da validare)
ame flash
Svantaggi: possibile mancata visualizzazione di piccole arterie accessorie. Ridotta
sensibilità nelle stenosi post ostiali (tipicamente in caso di fibrodisplasia).
Controindicato l’uso del gadolinio in presenza di un GFR < 30 ml/min per il rischio
di fibrosi nefrogenica sistemica.
angio tc spirale.
Vantaggi: alta sensibilità e specificità (98 e 94%)
Svantaggi: rischio di tossicità da m.d.c.
Altri test (dosaggio dell’attività reninina plasmatica basale o dopo somministrazione di ACE-I, scintigrafia renale sequenziale) non dovrebbero essere usati come esami di screening.
Raccomandazioni.
1. Non esiste al momento un esame che, se negativo, esclude completamente la presenza di stenosi dell’arteria renale. Il sospetto clinico deve pertanto essere il principale determinanate della procedura diagnostica. Oltre a ciò un trattamento antipertensivo può efficacemente controllare l’ipettensione renovascolare, pertanto la diagnosi va limitata a casi selezionati nei quali l’eventuale trattamento mediante angioplastica può essere indicato: PA non controllata da terapia massimale, IR in progressione per malattia bilaterale, fibrodisplasia che può essere “curata”.
2. Gli esami non sono indicati in pazienti a basso rischio di stenosi poiché anche un esame con alta sensibilità e specificità ha un basso valore predittivo se la prevalenza della malattia è bassa.
3. La presenza di insufficienza renale evidenzia una situazione che necessariamente interessa i reni bilateralmente (una condizione di monorene funzionale non determina un incremento della creatininemia a meno che anche il rene residuo non sia alterato). È in questo caso necessario riservare la valutazione e l’eventuale terapia a casi selezionati: IR progressiva, episodi ricorrenti di edema polmonare, ipertensione arteriosa intrattabile. IpertensIone da MaLattIa renaLe prIMItIVa
L’ipertensione arteriosa è frequente nell’insufficienza renale acuta e cronica, in
particolare in presenza di danni glomerulari o vascolari.
L’incidenza e la patogenesi variano con il tipo del danno renale e con la sua durata.
Oltre l’80% dei pazienti affetti da IRC hanno valori elevati di pressione arteriosa con una prevalenza che aumenta al diminuire del filtrato glomerulare. I dati dallo studio MDRD (Modification of Diet in Renal Disease) mostrano, ad esempio, una prevalenza di ipertensione arteriosa che aumenta progressivamente dal 65 al 95% passando da valori di filtrato glomerulare di 85 a 15 ml/min/1.73mq (3).
ame flash
Un’ipertensione arteriosa secondaria a danno renale parenchimale deve essere sospettata ogni qual volta elevati valori pressori si accompagnano ad incremento degli indici funzionali renali e/o presenza di alterazioni urinarie (proteinuria o ematuria): in tal caso il corretto inquadramento diagnostico è di competenza dello specialista nefrologo che valuterà l’indicazione ad accertamenti di secondo livello, in particolare all’esecuzione di una biopsia renale.
IpertensIone endocrIna
La frequenza è molto variabile nelle diverse casistiche, con percentuali che oscillano
dall’1-5% in presenza di ipertensione lieve-moderata sino al 10-20% nel caso di
ipertensione severa/refrattaria.
cause
Le principali cause di ipertensione endocrina sono:
• ipo-ipertiroidismo;
• iperparatiroidismo;
• acromegalia;
• feocromocitoma;
• sindrome di Cushing;
• sindromi da eccesso di mineralcorticoidi (ipertensione a bassa renina).
• Altre condizioni endocrine associate ad ipertensione sono:
• insulino-resistenza con o senza obesità;
• diabete mellito;
• ipertensione indotta da estrogeni;
• ipertensione indotta dalla gravidanza;
• tumori secernenti renina.
Ipotiroidismo
Patologia endocrina frequente, specie nella forma subclinica che si riscontra nel
4-10% della popolazione generale. Maggior frequenza nelle donne di età > 60-70
anni.
Screening nella popolazione ipertesa: 3% dei casi.
È causa di ipertensione prevalentemente diastolica per aumento del volume
extracellulare ed aumento delle resistenze vascolari periferiche.
L’ipotiroidismo subclinico non sembra causare un significativo incremento dei
livelli tensivi.
esame di screening per ipertensione secondaria ad ipotiroidismo primario:
dosaggio TSH (FT4). esami di secondo livello da eseguire per valori di TSH > 5
- 8 mU/L.
ame flash
Ipertiroidismo
La forma conclamata ha una prevalenza di 0.2%, mentre quella subclinica è del
2-3%.:
A differenza dell’ipotiroidismo, l’ipertiroidismo è causa di ipertensione prevalentemente
sistolica per aumento della frequenza e della gittata cardiaca e diminuzione delle
resistenze vascolari periferiche.
L’ipertiroidismo subclinico può contribuire all’ipertrofia ventricolare sinistra ed
all’ipertensione arteriosa. Nei pazienti anziani la fibrillazione atriale può essere
l’unica manifestazione clinica.
esame di screening per ipertensione secondaria ad ipertiroidismo: dosaggio TSH.
esami di secondo livello da eseguire per valori di tsH < 0.2 - 0.3 mU/L.
Iperparatiroidismo primario
La prevalenza nella popolazione generale è di 0.1-0.3%.
Screening nella popolazione ipertesa: 1% dei casi.
L’ipertensione è presente in circa il 40% dei casi, ma il meccanismo eziopatogenetico
resta controverso, poiché non è stata sinora trovata una diretta correlazione con
i livelli di PTH o di calcemia. L’ipertensione associata ad iperparatiroidismo può
anche essere secondaria al danno renale causato dall’ipercalcemia o, nei casi di
MEN, essere correlata ad un feocromocitoma o ad iperaldosteronismo primario
misconosciuti.
La risposta dei livelli tensivi dopo correzione dell’iperparatiroidismo primitivo è
variabile.
esame di screening per ipertensione secondaria ad iperparatiroidismo: dosaggio
calcemia (da eseguire sempre nei pazienti ipertesi sintomatici per calcolosi renale
e/o osteoporosi). esami di secondo livello da eseguire per valori di calcemia >
10 mg/dL.
acromegalia
Malattia rara (prevalenza 40-70 casi/milione).
La prevalenza dell’ipertensione è maggiore rispetto alla popolazione generale, con
percentuali variabili nelle diverse casistiche, dal 30 al 45% dei casi.
La patogenesi è multifattoriale; il meccanismo principale sembra l’azione diretta del
GH a livello renale, con aumentato riassorbimento tubulare del sodio ed espansione
del volume extracellulare. Altri meccanismi chiamati in causa sono l’inibizione del
fattore natriuretico e l’attivazione del sistema renina-angiotensina-aldosterone.
I livelli tensivi nei pazienti acromegalici sono aumentati in particolare in quelli
con diabete o IGT rispetto a quelli con normotolleranza glicidica.
esami di screening nel sospetto di ipertensione secondaria ad acromegalia:
dosaggio GH e IGF-I. esami di secondo livello da eseguire per valori di GH e
IGF-I–I elevati (con valori di riferimento da correlare a sesso ed età).
ame flash
Feocromocitoma
Malattia rara (incidenza di 2-8 casi/milione/anno).
La prevalenza nei pazienti ipertesi è 0.2-0.4 %.
L’ipertensione è presente nel 90% dei casi e può presentarsi sia in forma parossistica
(30% dei casi), sia in forma stabile (60% dei casi). In una percentuale variabile dal
10 al 50% dei casi è descritta un’ipotensione ortostatica, dovuta alla vasocostrizione
periferica ed all’ipovolemia associata all’eccesso delle catecolamine; contribuisce
all’ipotensione anche la ridotta o assente risposta adrenergica allo stimolo posturale
(per effetto della down-regulation recettoriale). Raramente il feocromocitoma si può
presentare con ipotensione o anche shock.
Nella forma tipica, parossistica, l’ipertensione è sisto-diastolica e il rialzo pressorio
può associarsi ad una triade sintomatologica classica: cefalea, sudorazione e
tachicardia.
esame di screening nel sospetto di ipertensione secondaria a feocromocitoma:
dopo aver escluso farmaci o condizioni cliniche interferenti, dosaggio metanefrine
plasmatiche e/o urinarie (4) (dosaggio catecolamine se non disponibili le
metanefrine).
esami di secondo livello da eseguire per valori aumentati di metanefrine/catecolamine
(valori > 3-4 volte il limite massimo di riferimento sono diagnostici).
sindrome di cushing
Malattia rara con incidenza differente a seconda della patogenesi. In aumento
le forme subcliniche, spesso diagnosticate dopo il riscontro di un incidentaloma
surrenalico.
La prevalenza nei pazienti ipertesi è compresa tra 0.5 e 1%.
L’ipertensione è presente nel 70-90% dei casi e può essere il primo segno di malattia.
È sisto-diastolica (nel 50% dei pazienti la diastolica è > 100 mmHg) ed è frequente
la perdita del fisiologico calo notturno. Nelle forme gravi (e soprattutto nelle
forme da secrezione ectopica di ACTH) si associa ad ipopotassiemia.
L’ipertensione è una delle principali complicazioni dell’ipercortisolismo, ma la patogenesi
non è completamente chiarita. Diversi sono i meccanismi responsabili:
aumento delle resistenze periferiche (per ridotta sintesi di prostaglandine e di
ossido nitrico, aumentata sintesi epatica di angiotensinogeno, aumento dei recettori
α-adrenergici);
aumento del volume plasmatico (per effetto mineralcorticoide del cortisolo, conseguente
alla saturazione dell’attività enzimatica dell’11β-HSD2 a livello renale);
aumento della gittata cardiaca (per aumentata sensibilità all’azione delle
catecolamine).
È frequente il danno d’organo (aumento dello spessore intima/media ed ipertrofia
ventricolare sinistra concentrica, anche per effetto diretto del cortisolo). Le
complicanze cardiovascolari contribuiscono ad aumentare la morbilità e la mortalità
ame flash
della patologia. La terapia antiipertensiva convenzionale ottiene solo un beneficio parziale.
Esame di screening nel sospetto di ipertensione secondaria a sindrome di Cushing: cortisolo dopo desametasone 1 mg overnight (test di Nugent) e/o cortisoluria 24h (meno sensibile). Esami di secondo livello da eseguire per valori aumentati di cortisolo dopo test di Nugent: cut-off tradizionale: 5 µg/dl; cut-off recentemente proposto: 1.8 µg/dl, più sensibile ma meno specifico (aumento di falsi positivi).
sindromi da eccesso di Mineralcorticoidi (ipertensione a bassa renina)
È un’ipertensione sostenuta da un’eccessiva attivazione del recettore per mineralcorticoidi
(MR) o da altre rare cause con meccanismi fisiopatologici simili. È caratterizzata
da espansione del volume circolante, con sodio-ritenzione, deplezione del potassio
e conseguente soppressione dell’attività reninica plasmatica (PRA). L’aldosterone è
elevato nelle forme di iperaldosteronismo primario, mentre è generalmente ridotto
nelle altre condizioni patologiche.
Si possono distinguere diverse forme:
1. iperaldosteronismo primario
2. forme familiari di ipertensione a bassa renina (deficit 11β- e 17α-idrossilasi;
sindrome da apparente eccesso di mineralcorticoidi, sindrome di Liddle, sindrome di Gordon); 3. forme acquisite di pseudoiperaldosteronismo (da cause esogene, da ipercortisolismo, da ipersecrezione di desossicorticosterone (DOC)).
1.Iperaldosteronismo primario
Rappresenta la causa più frequente di ipertensione endocrina, raggiungendo una
frequenza > 10% negli ipertesi (percentuali oscillante dal 2% nella popolazione
con ipertensione di 1° grado sino al 20% negli ipertesi con ipertensione severa/
refrattaria).
È causato da una secrezione di aldosterone inappropriatamente alta, relativamente
autonoma dal sistema renina-angiotensina e non sopprimibile con carico salino.
L’inappropriata secrezione di aldosterone causa danno vascolare, soppressione
dell’attività reninica (PRA), ipertensione, sodio-ritenzione ed aumentata escrezione di
potassio che, se prolungata e severa, porta ad ipopotassiemia (5). L’ipopotassiemia,
considerata in passato una condizione sine qua non per la diagnosi, è presente
solo in una minoranza di pazienti (9-37% in studi recenti) (5). L’ipertensione
nomorkaliemica rappresenta ad oggi la più comune manifestazione della malattia,
con ipopotassiemia presente solo nelle forme più severe.
esame di screening: dosaggio PRA e aldosterone in ortostatismo con determinazione
del rapporto aldosterone/PRA (ARR=Aldosteron-Renin ratio). Utile sospendere almeno
3 settimane prima del test i farmaci interferenti (i farmaci che interferiscono meno
sull’ARR sono gli α-blccanti e i calcioantagonisti) (5). L’ARR calcolato impiegando
ame flash
la misurazione della renina attiva al posto della PRA al momento non è ancora
validato come metodica di screening dell’iperaldosteronismo.
esami di secondo livello da eseguire per valori di PRA soppressa con aumento del
rapporto ARR. Si considera positivo un ARR > 30- 50, (misurando l’aldosterone in
ng/dL e la PRA in ng/mL/h). Per evitare una sovrastima dell’ARR, alcuni autori
ritengono opportuno fissare un valore minimo di PRA a 0.2-0.3 ng/ml/h e/o
considerare come ulteriore criterio di positività dell’esame la presenza di aldosterone
plasmatico > 15-20 ng/dl. Nella valutazione dell’ARR bisogna inoltre considerare il
frequente riscontro di PRA ridotta negli anziani e nei soggetti di razza africana.
2.Ipertensione a bassa renina a trasmissione genetica (pseudo-iperaldosteronismo
familiare)
Sono forme di ipertensione familiare che, nella forma classica, si manifestano nella
prima infanzia
. Il quadro clinico simula l’iperaldosteronismo primario, in quanto
sul piano biochimico sono caratterizzati da ipopotassiemia e soppressione della
secrezione reninica; si differenziano dall’iperaldosteronismo primario in quanto i
valori di aldosterone sono ridotti. esame di screening per tutte queste forme è
il dosaggio di PRA/aldosterone.
Forme associate ad iperplasia surrenalica congenita (caH)
deficit 11β-idrossilasi. È causa di ipertensione con ipopotassiemia in età
pediatrica. L’ipertensione tipicamente si associa ad iperandrogenismo. Il difetto enzimatico determina ridotta produzione di cortisolo, cronico aumento di ACTH con iperplasia surrenalica ed accumulo dei precursori a monte del blocco enzimatico: 11-desossicortisolo e DOC, con un potente effetto mineral-attivo.
deficit 17α-idrossilasi. Causa rara di iperplasia surrenalica congenita con
ipertensione ed ipopotassemia ad insorgenza in età pediatrica, associata ad amenorrea primaria e pseudoermafroditismo maschile.
sindromi da eccesso apparente di mineralcorticoidi
• Sindrome AME (Apparent Mineralcorticoid Excess).
Raro disordine a trasmissione
autosomica recessiva, causato da mutazione del gene 11βHSD2 che codifica per
l’enzima 11β-idrossisteroido-deidrogenasi. L’enzima 11β-HSD2 a livello renale
agisce unidirezionalmente come NAD-deidrogenasi, convertendo il cortisolo
(attivo sui recettori MR) in cortisone (inattivo sui recettori MR), con la finalità
di proteggere MR dall’azione del cortisolo. In presenza di deficit dell’11βHSD2,
il cortisolo, le cui concentrazioni plasmatiche sono circa 100 volte quelle
dell’aldosterone, non viene trasformato in cortisone ma resta attivo, andando
ad occupare massicciamente i MR. La forma classica, si manifesta nei primi
anni di vita con ipertensione grave, ipopotassiemia, alcalosi metabolica, poliuria,
ame flash
disidratazione, ipercalciuria, basso peso alla nascita e ritardo di crescita. Può
portare a danno d’organo come nefrocalcinosi, insufficienza renale, retinopatia
e cardiopatia ipertensiva in giovane età. Esistono forme fruste a manifestazione
attenuata e tardiva, che generalmente non si associano ad ipopotassiemia e
possono restare misconosciute, inquadrate come forme di ipertensione essenziale
a bassa renina (6). Il sospetto clinico si basa sul riscontro di valori ridotti di PRA
e aldosterone. La diagnosi va confermata con il dosaggio dei metaboliti urinari
di cortisolo (F) /cortisone (E). Il difetto dell’11β-HSD2 è caratterizzato infatti
da un aumento del rapporto cortisolo libero urinario e cortisone libero urinario
(UFF/UFE), oltre che da un aumento del rapporto tetraidrocortisolo (THF) +
allotetraidrocortisolo (aTHF) / tetraidrocortisone (THE).
• Sindrome di Liddle. Rarissima sindrome ereditaria a trasmissione autosomica
dominante, caratterizzata da ipertensione severa, ipopotassiemia, alcalosi metabolica, livelli di PRA soppressi con valori ridotti di aldosterone. È causata da mutazioni dei geni che codificano per le subunità β o γ del canale epiteliale del sodio, bersaglio dell’aldosterone, sito nella porzione distale del nefrone. Ne deriva un’iperattivazione costitutiva del trasporto epiteliale del sodio. L’aumentato riassorbimento renale del sodio determina poi espansione del volume plasmatico ed ipertensione. In questa condizione l’uso di antialdosteronici (spironolattone) è inefficace, mentre un miglioramento si ottiene dopo restrizione sodica e terapia con amiloride o triamterene.
• Sindrome di Gordon (pseudoiperaldosteronismo tipo 2). Rara malattia
genetica a trasmissione autosomica dominante, caratterizzata da ipertensione a bassa renina, iperkalemia, acidosi metabolica, normale funzione renale, valori bassi/normali di aldosterone. La prevalenza non è nota, poiché spesso non viene diagnosticata. L’ipertensione in questi pazienti può essere conseguenza di aumentato riassorbimento di sodio, mentre l’iperpotassiemia deriva da ridotta escrezione di potassio, a dispetto di normale filtrazione renale e secrezione di aldosterone. La ridotta escrezione di potassio assimila questa condizione ad uno stato di ipoaldosteronismo, da cui il termine di “pseudoipoaldosteronismo” o pseudoiperaldosteronismo tipo 2. In questa sindrome l’ipertensione è responsiva a stretta restrizione di sodio e diuretici tiazidici.
3. pseudoiperaldosteronimso acquisito
Si possono manifestare in età adulta. Come per le forme familiari, il quadro clinico
simula l’iperaldosteronismo primario con ipertensione a bassa renina; l’aldosterone
generalmente è ridotto. esame di screening per queste forme è il dosaggio di
PRA/aldosterone.
sindrome da eccesso apparente di mineralcorticoidi (aMe) acquisita
Liquirizia e suoi derivati.
La liquirizia contiene l’acido glicirrizico, che per idrolisi
ame flash
può essere convertito in acido glicirretinico, in grado di bloccare l’attività dell’enzima
11β-HSD2. Il meccanismo dell’ipertensione è quindi lo stesso dell’AME (aumentata
disponibilità di cortisolo per i recettori dei mineralcorticoidi del tubulo renale). In
commercio esistono numerose preparazioni contenenti liquirizia, sotto forma di
prodotti d’erboristeria o cosmetici, dolcificanti, rinfrescanti del cavo orale, sedativi
della tosse; la liquirizia si può trovare miscelata con gomma arabica, zucchero,
alcool e tabacco.
Il carbenoxolone, farmaco utilizzato come antiacido (non in commercio in Italia)
è un derivato dell’acido glicirretinico e può causare pseudoiperaldosteronismo.
Anche sostanze non propriamente farmacologiche, quali contaminanti ambientali
(flavonoidi, carbamati) o contenuti in alimenti (naringerina, contenuta nel pompelmo)
(7), prodotti medicamentosi non convenzionali (prodotti d’erboristeria) (8) possono
interferire con l’attività dell’enzima 11β-HSD tipo 2, inibendone la funzione con
effetti sugli esami di laboratorio analoghi a quelli descritti per l’AME.
Mineralcorticoidi esogeni
Sono generalmente dei derivati fluorurati del cortisolo (es. 9α-fluoro-prednisolone)
impiegati per la loro azione anti-infiammatoria in preparazioni d’uso topico (spray
nasali, pomate, gocce otologiche). L’uso prolungato può determinare ipertensione
poiché, assorbiti e penetrati nel circolo sistemico, esercitano azione mineralcorticoide.
Fortunatamente molti di questi prodotti sono oggi fuori commercio e sostituiti con
altri a scarsa azione mineralcorticoidi.
sindrome di cushing
Le quantità massicce di cortisolo (specie nelle forme di S. di Cushing da secrezione
ectopica di ACTH) non possono venire adeguatamente smaltite dall’enziama 11βHSD2.
Il cortisolo in eccesso si lega quindi ai recettori dei mineralcorticoidi, causando
ipertensione con ipopotassiemia, soppressione di renina e aldosterone
tumori doc-secernenti
Forme molto rare di adenomi o più frequentemente di carcinomi del corticosurrene in grado
di produrre DOC e/o altri mineralcorticoidi minori (es. 11-desossicortisolo).
InsULIno-resIstenZa
La resistenza all’azione dell’insulina, associata o meno all’obesità, è stata recentemente
identificata come causa di ipertensione secondaria.
Uno dei meccanismi patogenetici proposti è l’aumento del calcio intracellulare
nelle cellule insulino-resistenti, per ridotta azione dell’insulina sulla pompa del
calcio. L’aumento del calcio intracellulare a livello delle cellule muscolari lisce
vascolari comporterebbe una risposta più vivace agli stimoli vasocostrittori con
conseguente rialzo pressorio.
ame flash
Altri possibili meccanismi chiamati in causa per spiegare l’associazione dell’insulino-
resistenza con l’ipertensione sono l’aumentata ritenzione di sodio e l’aumentata
attività del sistema nervoso adrenergico.
esame di screening con dosaggio glicemia/insulinemia e determinazione indice
HOMA
tabelle riassuntive sullo screening dell’ipertensione endocrina.
tabella 3. Quando sospettare un’ipertensione da causa endocrina?
- Familiarità per ipertensione giovanile o accidente cerebro-vascolare in giovane età (< 40 anni)- Ipertensione ad esordio giovanile e/o ictus precoce- Ipertensione di 2°-3° grado alla diagnosi o ipertensione resistente (PA > 140/90 mmHg con 3 farmaci a dose piena, incluso diuretico)- Ipertensione in pazienti con incidentaloma surrenalico- Ipertensione associata ad ipopotassiemia spontanea o provocata da diuretici (considerare anche livelli di K+ normal-bassi in corso di terapia con ACE-inibitori, sartani o in pazienti con IRC) tabella 4. Quali esami di screening richiedere nel sospetto di ipertensione endocrina?
Gli esami ormonali vanno richiesti in base al sospetto clinico.
- In assenza di segni/sintomi specifici, gli esami di primo livello possono essere:
- PRA/aldosterone (previa sospensione dei farmaci interferenti)
- TSH
- Calcemia
Esami di screening da richiedere in casi selezionati:
- catecolamine/metanefrine plasmatiche e/o urinarie nel sospetto feocromocitoma
- test di Nugent e/o cortisoluria 24h nel sospetto ipercortisolismo.
ame flash
1. 1.Mancia G, De Backer G, Dominiczak A, et al. ESH-ESC Task Force on the management of arterial hypertension. 2007 Guidelines for the management of arterial hypertension: The Task Force for the Management of Arterial Hypertension of the European Society of Hypertension (ESH) and of the European Society of Cardiology (ESC). J Hypertens 2007, 25: 1105-87.
2. Kaplan NM. Who should be screened for renovascular or secondary hypertension? UpToDate 3. Buckalew VM Jr, Berg RL, Wang SR, et al. Prevalence of hypertension in 1,795 subjects with chronic renal disease: the modification of diet in renal disease study baseline cohort. Modification of Diet in Renal Disease Study Group. Am J Kidney Dis 1996 Dec;28(6):811-21. 4. Pacak K, Eisenhofer G, Ahlman H, et al. International Symposium on Pheochromocytoma. Pheochromocytoma: recommendations for clinical practice from the First International Symposium. October 2005. Nat Clin Pract Endocrinol Metab 2007, 3: 92-102.
5. Funder JW, Carey RM, Fardella C, et al. Case detection, diagnosis, and treatment of patients with primary aldosteronism: an endocrine society clinical practice guideline. J Clin Endocrinol 6. Lavery GG, Ronconi V, Draper N, et al. Late-onset apparent mineralocorticoid excess caused by novel compound heterozygous mutations in the HSD11B2 gene. Hypertension 2003, 42: 7. Palermo M, Armanini D, Delitala G. Grapefruit juice inhibits 11beta-hydroxysteroid dehydrogenase in vivo, in man. Clin Endocrinol 2003, 59: 143.
8. Homma M, Oka K, Niitsuma T, Itoh H. A novel 11beta-hydroxysteroid dehydrogenase inhibitor contained in saiboku-to, a herbal remedy for steroid-dependent bronchial asthma. J Pharm

Source: http://www.analisipapagni.it/fileadmin/media/FILE_PDF/ipertensione_arteriosa_secondaria_test_di_screening.pdf

Microsoft word - label-perm 10 ewc _remove beans per epa 03-02-06_.doc

[FRONT LABEL PANEL] Permethrin {alt. brand name: Martin’s Permethrin 10 Multi-Purpose Insecticide} For Use by Licensed Pest Control Operators or Commercial Applicators Only • Kills Termites*[including dry-wood termites](for localized control only)[Optional • For Use around foundations, outside buildings, porches, wood piles, wooden fences and • Kills troublesome outdoor inse

aite.wroclaw.pl

  Archivum Immunologiae et Therapiae Experimentalis, 1999, 47 267–274 Review Phage Therapy: Past History and Future Prospects R. M. Carlton: Phage Therapy in the Past and Future Exponential Biotherapies, Inc., 150 Main Street, Port Washington, NY 11050, USA Abstract . Bacterial viruses (bacteriophages, also called “phages”) can be robust antibacterial agen✝ts in vitro . How

Copyright © 2010-2014 Internet pdf articles